Site icon PoliticaLab

Batistuta sindaco di Firenze? La nuova scommessa del centrodestra

Batistuta

Batistuta

Il panorama politico fiorentino potrebbe presto accogliere un volto noto del calcio mondiale. Secondo indiscrezioni rilanciate da La Nazione, Gabriel Batistuta, l’ex attaccante stellare della Fiorentina, potrebbe essere il candidato del centrodestra per la carica di sindaco di Firenze. Sebbene non ci siano ancora conferme ufficiali, l’idea di vedere Batigol in lizza per Palazzo Vecchio ha già acceso l’entusiasmo di molti.

Tuttavia, un ostacolo potrebbe emergere: Batistuta non possiede un passaporto italiano. Questo dettaglio non trascurabile richiederebbe una soluzione tempestiva se il centrodestra decidesse di puntare seriamente sull’ex bomber viola come candidato. Ma, come si sa, in politica tutto è possibile e, con la giusta determinazione, anche le barriere burocratiche possono essere superate.

Batistuta segue il modello di Tommasi a Verona

L’idea di candidare Batistuta non nasce dal nulla. Il centrodestra sembra ispirarsi al modello di successo rappresentato da Damiano Tommasi a Verona. L’ex calciatore, infatti, ha dimostrato che lo sport e la politica possono andare a braccetto, e che le competenze acquisite sul campo possono essere trasferite con successo nell’arena politica. Inoltre, il caso di Giovanni Galli, ex portiere di Fiorentina e Milan, che ha sfidato Matteo Renzi per la carica di sindaco di Firenze, è un altro esempio di come il calcio possa intersecarsi con la politica locale.

La proposta di Batistuta come candidato sindaco potrebbe rappresentare una mossa strategica per il centrodestra. Con il suo carisma e la sua popolarità, Batigol potrebbe attirare l’attenzione di molti elettori, in particolare tra gli appassionati di calcio e i nostalgici dei tempi d’oro della Fiorentina.

Resta da vedere se Batistuta accetterà questa sfida e se il centrodestra procederà ufficialmente con la sua candidatura. Ma una cosa è certa: la politica fiorentina potrebbe presto diventare molto più interessante.

Exit mobile version