Site icon PoliticaLab

Calenda e Renzi: Separazione Ufficiale tra Italia Viva e Azione

Calenda e Renzi

Calenda e Renzi (foto ANSA)

Nel mondo politico italiano, la separazione ufficiale tra Carlo Calenda e Matteo Renzi ha scosso le fondamenta del Terzo Polo.

L’addio ufficiale è stato confermato da Raffaella Paita, coordinatrice nazionale di Italia Viva, che ha dichiarato: “Da domani i gruppi di Italia Viva e Azione prenderanno strade diverse”. Questa decisione ha una base puramente politica, senza implicazioni economiche.

I dettagli della rottura tra Calenda e Renzi

La rottura tra Calenda e Renzi segna la fine dell’era del Terzo Polo e la divisione delle strade elettorali. Di conseguenza, i gruppi parlamentari saranno separati. La divisione dei residui finanziari del passato avverrà in base agli accordi precedentemente firmati all’inizio della legislatura, che già prevedevano la possibilità di separare i gruppi.

Nella sua dichiarazione, Raffaella Paita ha invitato il senatore Calenda a mantenere la calma e ad evitare polemiche. Questa separazione politica è chiara, le norme sono chiare, e ciascuno dovrebbe procedere per la propria strada senza esitazione.

Il futuro del Terzo Polo

Il Terzo Polo, un’entità politica che aveva unito Italia Viva e Azione, sembra ora destinato a sciogliersi. Da una parte, i senatori di Italia Viva considerano conclusa la loro collaborazione con Azione, mentre il partito di Carlo Calenda non intende accettare le imposizioni di Matteo Renzi. Questa situazione pone la responsabilità della decisione direttamente sugli elettori del Terzo Polo.

La lettera dei senatori di Italia Viva

In risposta all’annuncio, i senatori di Italia Viva hanno scritto una lettera al capogruppo Azione-Italia Viva al Senato, Enrico Borghi. Nella lettera, chiedono una convocazione urgente del gruppo del Senato per affrontare le dichiarazioni di Calenda e le conseguenze politiche, statutarie e regolamentari che ne derivano.

La separazione sembra ormai consolidata, con Paita che ribadisce la chiara natura politica di questa decisione. La divisione dei gruppi parlamentari è inevitabile, ma sarà gestita in conformità con gli accordi preesistenti.

Azione ha risposto affermando che non accetterà diktat da Renzi o Italia Viva. Se essi intendono separare i gruppi eletti con la Lista Calenda, devono assumersi la responsabilità davanti agli elettori del Terzo Polo.

La proposta di cambio di nome di Italia Viva

Italia Viva ha proposto un cambio di nome per il gruppo, chiamandolo “Italia Viva – Il Centro – Renew Europe”. Questa decisione sarà sottoposta alla considerazione degli amici di Azione, rispettando le loro scelte.

La politica italiana sta attraversando una fase di cambiamenti significativi, mentre i partiti si separano e cercano di delineare nuove strategie per il futuro. Questo evento segna la fine di un’importante collaborazione nel panorama politico italiano e solleva interrogativi sulla direzione che prenderanno Calenda e Renzi nelle rispettive strade politiche. La politica italiana, nel fratempo, dovrà affrontare sfide più importanti, superando le beghe personali e concentrandosi su questioni più urgenti.

Exit mobile version