Site icon PoliticaLab

Marta Fascina torna in Parlamento dopo la morte di Berlusconi: pronta a votare per la fiducia del dl Caivano

Marta Fascina

Marta Fascina (foto ANSA)

Marta Fascina, deputata di Forza Italia e ultima compagna di Silvio Berlusconi, ha fatto il suo ritorno in Parlamento dopo una lunga assenza dovuta alla morte dell’ex presidente del Consiglio. Questa è la sua prima partecipazione alle attività parlamentari da quel triste evento. In questa news, esploreremo il ritorno di Marta Fascina e le circostanze che l’hanno portata nuovamente a Montecitorio.

Il ritorno di Marta Fascina in Parlamento

Marta Fascina, da tempo fuori dalla scena politica dopo la morte dell’ex compagno Silvio Berlusconi, ha finalmente fatto il suo ritorno in Parlamento. La deputata di Forza Italia aveva mantenuto un basso profilo sin dai funerali di Berlusconi, ma recentemente ha deciso di riprendere la sua attività politica. La sua riapparizione è stata notevolmente anticipata e discussa nei circoli politici italiani.

Marta Fascina: una vita ritirata a Arcore

Durante i mesi scorsi, i media riportavano che Marta Fascina si era ritirata a Arcore, nella villa della famiglia Berlusconi, dove aveva anche spostato la sua segreteria politica. In questo periodo, si era mantenuta fuori dal pubblico e dai riflettori, ma solo di recente ha iniziato a partecipare a eventi pubblici. La scorsa settimana, ha annunciato ufficialmente il suo ritorno a Montecitorio e ha condiviso le sue motivazioni: “So bene che grava su di me una grande responsabilità nei confronti degli italiani che mi hanno votata. Tornerò presto alla Camera per onorare il mandato ricevuto.”

Partecipazione al voto sulla fiducia al Decreto Caivano

Il suo ritorno è avvenuto in concomitanza con il voto sulla fiducia legato al decreto Caivano, un importante passo nella politica italiana. La manovra è ancora in commissione al Senato, e Marta Fascina ha deciso di partecipare a questo momento cruciale della vita parlamentare italiana.

Il dolore per la perdita di Silvio Berlusconi

In un’intervista al Corriere della Sera, Marta Fascina ha condiviso il suo dolore per la perdita di Silvio Berlusconi: “Sono stati quattro mesi di strazio e tristezza. Il vuoto che la sua assenza terrena ha lasciato nella mia vita è incolmabile. Non è possibile superare un grave e improvviso lutto con uno schiocco di dita, ammiro chi ci riesce, ma per il sentimento che ci legava e ci lega non poteva essere altrimenti. Credo che soltanto chi abbia provato un amore così genuino possa comprendere il mio stato d’animo. Altri, evidentemente dai sentimenti rarefatti se non addirittura aridi, si limitano a giudicare la sofferenza altrui. Mi spiace per loro.”

Un ritorno accompagnato

All’ingresso a Montecitorio, Marta Fascina è stata praticamente scortata da Paolo Barelli, capogruppo di Forza Italia alla Camera. Accanto a lei c’era anche Tullio Ferrante, sottosegretario ai Trasporti e amico di lunga data. La deputata ha evitato le domande dei cronisti presenti, ma il suo sorriso ha comunicato un senso di rinascita e determinazione.

In conclusione, il ritorno di Marta Fascina in Parlamento segna un momento significativo nella politica italiana, evidenziando il suo impegno nei confronti del mandato ricevuto dagli italiani e il suo desiderio di contribuire ancora alla vita politica del paese. La sua presenza al voto sulla fiducia al decreto Caivano sottolinea l’importanza di questa decisione e il suo desiderio di partecipare attivamente alle decisioni legislative che influenzano il futuro dell’Italia.

Exit mobile version