Ministro della Difesa Guido Crosetto: casa gratis e affari incrociati con imprenditore della cybersicurezza

Ministro della Difesa Guido Crosetto: casa gratis e affari incrociati con imprenditore della cybersicurezza
Guido Crosetto

Il Ministro della Difesa, Guido Crosetto, ha recentemente dichiarato di vivere gratuitamente in un attico vicino al Vaticano, di proprietà dell’imprenditore della cybersicurezza Carmine Saladino. La situazione è stata resa pubblica dal quotidiano Il Fatto Quotidiano, sottolineando anche gli affari milionari del gruppo di Saladino con la Difesa.

Trasloco in corso, Guido Crosetto: “Non Pago per Lavori in Corso”

Crosetto ha spiegato che il trasloco è in corso da giugno, ma fino a ottobre ha continuato a pagare l’affitto del suo precedente appartamento. Ha mostrato foto degli scatoloni e dei lavori in corso, sottolineando che il mancato pagamento dell’affitto è dovuto ai ritardi nella ristrutturazione.

Guido Crosetto: affari incrociati e milioni dalla Difesa

Il gruppo di Saladino, proprietario dell’abitazione del ministro, ha ottenuto affidamenti milionari dalla Difesa da ottobre 2022. Saladino è socio e presidente del consiglio di amministrazione di Maticmind, un gruppo con un notevole fatturato derivante anche da appalti pubblici, compresi quelli con il Ministero della Difesa.

Contratto e ritardo nella ristrutturazione

Crosetto ha confermato di aver firmato un contratto a novembre, sperando che i lavori si concludessero entro l’anno. Tuttavia, i tempi si sono allungati, e Crosetto ha sottolineato di non aver pagato l’affitto per compensare il disagio causato al suo amico Saladino.

La situazione, nonostante la versione ufficiale di Crosetto, ha sollevato dubbi riguardo all’opportunità dell’affitto gratuito e ai rapporti tra il ministro e l’imprenditore Saladino. Maticmind, azienda legata a Saladino, gestisce appalti con la Difesa e altri enti pubblici, sollevando preoccupazioni sulla possibile influenza nel settore.

Dichiarazioni ufficiali e separazione tra interessi

Il Ministero della Difesa ha emesso una dichiarazione ribadendo la correttezza delle procedure amministrative e sottolineando la netta separazione tra indirizzo politico e amministrazione attiva. Crosetto, nel suo post, ha mostrato trasparenza con foto degli scatoloni, sostenendo di iniziare a pagare l’affitto nel gennaio 2024.

Conclusioni

La storia della casa gratuita e degli affari incrociati con l’imprenditore Saladino sta creando imbarazzo per il Ministro della Difesa Guido Crosetto. Mentre sostiene di non aver guadagnato nulla e di aver pagato l’affitto nella vecchia casa fino a ottobre, la vicenda solleva interrogativi sulla trasparenza e l’opportunità delle relazioni tra politica e affari.

In un contesto in cui la cybersicurezza è cruciale, l’intersezione tra interessi privati e pubblici nel settore della Difesa solleva domande sulla gestione etica e trasparente degli affari governativi. La vicenda continua a suscitare interesse e attenzione, alimentando il dibattito sull’integrità e l’etica nella politica italiana.