Manovra: incontro a Palazzo Chigi tra Governo e Sindacati sulle pensioni

Manovra: incontro a Palazzo Chigi tra Governo e Sindacati sulle pensioni
Manovra

A Palazzo Chigi, l’incontro cruciale tra governo e sindacati è attualmente in corso per discutere delle modifiche alla Manovra, con particolare attenzione al delicato tema delle pensioni. Dopo le recenti manifestazioni di piazza e il confronto con le associazioni datoriali, oggi è il turno di Cgil, Cisl, Uil e Ugl. L’articolo 33, che solleva molte preoccupazioni tra gli operatori sanitari e gli statali, è al centro del dibattito. La Cisl insiste sul ritiro di tale articolo, mentre Cgil e Uil definiscono la legge di Bilancio come “sbagliata” e richiedono modifiche sostanziali, con la Cgil sottolineando il rischio di tagli fino a 2.000 euro alle pensioni.

La premier Giorgia Meloni e i rappresentanti sindacali, tra cui Maurizio Landini (Cgil), Luigi Sbarra (Cisl), Pierpaolo Bombardieri (Uil), e Paolo Capone (Ugl), sono al tavolo delle discussioni. I ministri e i vicepremier del governo, tra cui Antonio Tajani e Matteo Salvini, sono presenti per trovare un terreno comune.

Manovra: pensioni dei Sanitari

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha dichiarato l’intenzione del governo di rivedere la norma sulle pensioni, soprattutto per gli operatori sanitari. La premier assicura che nessun lavoratore subirà penalizzazioni nell’accesso alla pensione di vecchiaia o per elevata anzianità contributiva. Tuttavia, il segretario della Cisl, Luigi Sbarra, avverte del rischio di una fuga dal lavoro se non si apportano modifiche entro gennaio 2024.

Proteste Sindacali

Nonostante le divergenze, tutti i sindacati hanno protestato contro la Manovra. Sbarra della Cisl ha dichiarato la necessità di “togliere le ombre sulle pensioni”. Landini della Cgil e Bombardieri della Uil hanno criticato la legge di Bilancio e difeso il diritto allo sciopero, contestando il provvedimento di precettazione per il 15 dicembre.

Il ministro dei Trasporti, Matteo Salvini, ha affrontato la questione dello sciopero del 15 dicembre, promettendo di fare tutto il possibile per minimizzare i disagi. Salvini ha sottolineato la volontà di garantire il diritto allo sciopero, ma ha avvertito che farà tutto ciò che la legge consente per evitare problemi a 20 milioni di italiani.

Modifiche alla Manovra in vista

In corso l’incontro tra governo e sindacati, emerge l’annuncio di modifiche alla stretta sulle pensioni di statali e medici. Il governo sta preparando un maxi emendamento al ddl di Bilancio, con l’obiettivo di intervenire sull’articolo 33 che riguarda le aliquote di rendimento per gli assegni di diverse categorie di dipendenti pubblici.

Il maxiemendamento, atteso a breve, dovrebbe risolvere le criticità della norma, soprattutto per quanto riguarda i tagli agli assegni delle categorie coinvolte. I sindacati rappresentati in questo incontro includono Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Cida, Cisal, Confsal, Confintesa e Usb.

Conclusioni

L’incontro tra governo e sindacati su questa delicata fase della Manovra è cruciale per definire il destino delle pensioni di statali e medici. Le divergenze e le tensioni sono evidenti, ma la speranza è che le modifiche annunciate portino a un compromesso che soddisfi entrambe le parti, evitando possibili scioperi e garantendo la stabilità del sistema previdenziale.